logosaporidallumbria

Sapori dall’Umbria

Specialità Dolci e Salate Tipiche Umbre

image-20

Sapori dall'Umbria - Assisi

Via Giovanni Becchetti, 7

Santa Maria degli Angeli - ASSISI (Perugia) Italy

Tel. 075.8041298 - Cell. 3336244308

P. IVA 02945550545

Non ancora ottimizzato per Smartphone

 

© Sapori dall'Umbria 2021

PRÉSIDI SLOW FOOD
slowfood, slowfooditalia, presidislowfoodumbria, presidioslowfood, fava, favacottora, favacottoradellamerino

NewCondition 13.00
Out Of Stock

«(...) La Fava Cottòra dell'Amerino è un seme dalle origini antichissime, la cui coltivazione è stata conservata solo da alcuni produttori nei comuni di Amelia e di Guardea, in provincia di Terni. La fava cottòra, chiamata così per la sua caratteristica di cuocere bene senza bisogno di essere decorticata, è piccola, tenera, nutriente e molto digeribile. Ciò che la rende così è soprattutto il terreno argilloso e povero di calcare della zona; La tecnica di coltivazione non prevede in alcun modo l'uso di pesticidi e una lavorazione ancora manuale in tutte le sue fasi. Viene seminata in postarelle (piccole buche) all'inizio di novembre e raccolta a luglio quando la pianta è completamente secca. Le piante estirpate vengono lasciate per qualche giorno sotto il sole estivo perché si secchino totalmente e poi vengono battute a mano per far aprire i baccelli e raccoglierne i semi. Sempre a mano si passano le fave al setaccio (chiamato corvello o gigliaro) per ripulirle dalle impurità e quindi si conservano in vetro con l'aggiunta di qualche spicchio d'aglio. (...) La fava è una pianta erbacea annuale eretta, rigida e glabra che presenta steli robusti, cavi all'interno e quadrangolari. Le foglie sono alterne, il fiore è bianco con ali macchiate di bruno-rosso scuro o quasi nero. Il frutto è un grosso baccello carnoso, cilindrico o appiattito, lungo circa 20 cm e internamente rivestito di una lanugine biancastra. All'interno del baccello vi sono, in numero variabile da 2 a 5, grani di colore giallo-bruno, piatti, ovali, larghi e polposi. I grani possono essere utilizzati sia freschi che essiccati e, in entrambi i casi, hanno un sapore dolce ma intenso. (...). Le fave si raccolgono in luglio e si conservano essiccate tutto l'anno. (...) Il piatto più tradizionale della zona per cuocere le fave è la "striscia con le fave", preparata il giorno della macellazione del maiale: si lessano le fave con il grasso della zona ventrale del maiale e poi si condiscono con lo stesso grasso, ormai sciolto» (Il Mangiaweb).

 

Le immagini sono indicative e possono variare in virtù delle specifiche di produzione.

Fava Cottora dell'Amerino, Presidio Slow Food Umbria La pianta della Fava Cottora dell'Amerino, Presidio Slow Food Umbria

facebook
twitter
tripadvisor
instagram
tiktok
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder